Un filo di ferro

Ufficio stampa Comune S.G. Persiceto, venerdì 16 maggio 2014

L’arte di Mario Martinelli tra pittura e scultura

comunicato stampa

In occasione della mostra “Un filo di ferro. L’arte di Mario Martinelli tra pittura e scultura”, sabato 17 maggio, alle ore 17 presso la Sala del Consiglio comunale, si terrà la presentazione del catalogo dedicato a Martinelli e alle sue opere, curato da Beatrice Buscaroli ed edito da Maglio Editore.

Per l’occasione saranno presenti Beatrice Buscaroli, storica dell’arte e curatrice della mostra, Mauro Mazzali, direttore dell’Accademia di Belle Arti Bologna, Fernanda Paganelli, governatore Distretto 108 Tb del Lions Club International, Italo Martini e Roberto Tosi, rispettivamente presidente e segretario del Lions Club di Persiceto, Gaetano Piscopo, presidente del Comitato Don Chisciotte della Bassa, Enrico Mulazzani, che ha curato la progettazione, il percorso espositivo e l’allestimento della mostra, Massimo Morisi, presidente del corso di studi in Scienze politiche dell’Università di Firenze, il sindaco e l’assessore alla cultura del Comune di Persiceto.
Durante la presentazione del catalogo verrà inoltre consegnata, da parte del Lions Club International, il riconoscimento “Melvin Jones” alla memoria di Mario Martinelli.
Il catalogo, edito da “Maglio Editore”, si apre con i contributi di Getano Piscopo: “Don Chisciotte della Bassa. Un comitato per la valorizzazione della figura e dell’opera di Mario Martinelli, di Beatrice Buscaroli: “Mario martinelli. Impennate fantastiche”, e di Silla Zamboni: “Mario martinelli. Personale alla Galleria Il collezionista di Bologna”. La parte centrale è dedicata invece alla riproduzione delle opere di Martinelli mentre biografia e bibliografia a cura di Sara Accorsi chiudono la pubblicazione. Al termine della presentazione sarà possibile acquistare il catalogo al costo di € 10,00; il ricavato andrà a sostegno del progetto di restauro della scultura “Don Chisciotte” di Mario Martinelli.

La mostra “Un filo di ferro. L’arte di Mario Martinelli tra pittura e scultura”
La mostra si articola su due sedi, quella allestita presso la suggestiva Chiesa di Sant’Apollinare che ospita la sezione dedicata alle opere pittoriche informali dell’artista persicetano e quella allestita nella sala mostre di Palazzo SS. Salvatore (piazza Garibaldi 7) dedicata ai suoi disegni e sculture e alle foto dei carri di carnevale da lui progettati e realizzati.
“Per Martinelli – scrive Beatrice Buscaroli, curatrice della mostra, nella presentazione del catalogo – la pratica della pittura diventa una sorta di diario intimo nel quale confrontare un groviglio di interessi e di curiosità: natura, paesaggio, figura, composizione cercano una via d’uscita, un sussulto capace di generare una nuova immagine. Costringendola all’interno di una griglia, un reticolo capace di ordinarla. Una griglia che ne concentra la forza che sta per dissolversi. È un’immagine vorace che richiede di essere ripensata in una geometria visiva che proprio l’“informare” rischia di disperdere”.
Le due sedi saranno aperte al pubblico venerdì e sabato ore 17-19, domenica e festivi ore 10-12.30 e 16-19. Possibilità di visita fuori orario, per gruppi e scolaresche su appuntamento telefonico allo 051.6812951/348.8064081 (Ufficio Cultura del Comune). Ingresso gratuito.

Il progetto “Un filo di Ferro”
Mario Martinelli è stato un artista persicetano molto conosciuto e apprezzato; pittore e scultore, ha dato vita, fra le tante opere, ad una magnifica scultura in ferro ispirata al Don Chisciotte, che da anni dall’alto del suo cavallo si staglia sul profilo del parco centrale della nostra città. Questa scultura è nata nel 1971 come allestimento di un carro del Carnevale persicetano ma la sua bellezza ha conquistato i cittadini a tal punto che, dopo la tradizionale sfilata dei carri, la società carnevalesca “Filo” l’ha donata e collocata stabilmente nel parco situato al centro del paese. Tantissimi bambini sono cresciuti e continuano a crescere giocando ai piedi di questa imponente e poetica presenza. Dopo tanti anni però la statua, esposta continuamente agli agenti atmosferici, rischia di deteriorarsi irrimediabilmente e con lei rischia di perdersi il carico simbolico che questo Don Chisciotte incarna: il ricordo di un artista ricco di talento, la perizia artigiana dei maestri carnevalai persicetani, le suggestioni poetiche di un cavaliere errante che non si arrende davanti alle ingiustizie e continua a combattere per i suoi ideali. Da questa situazione di emergenza è nata l’idea di recuperare la scultura attraverso una delicata operazione di restauro ma anche di celebrare l’artista che l’ha creata, il tessuto sociale e culturale in cui è nata e il personaggio letterario a cui è ispirata. Condividendo fortemente le idee e gli obiettivi di questa operazione, promossa dal comitato “Don Chisciotte della Bassa”, il Comune di San Giovanni in Persiceto alcuni mesi fa ha concesso il proprio patrocinio al progetto “Un filo di ferro”, presentato dal comitato stesso, cui si sono poi uniti i patrocini dell’Unione dei Comuni di Terred’acqua, della Provincia di Bologna, della Regione Emilia Romagna, del Conservatorio di Musica G. B. Martini di Bologna, dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, della Fondazione Zucchelli, del Circolo Fotografico Il Palazzaccio e dell’Associazione Carnevale Persiceto. Tutti coloro che sono interessati possono sostenere il progetto attraverso una donazione sul conto corrente dedicato: Iban: IT49W0707237060012000172259

Mario Martinelli (San Giovanni in Persiceto, 1939 – 1980)
Dopo la maturità artistica frequentò il corso di pittura all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Fu allievo del professor Pompilio Mandelli (1912-2006, allievo di Giorgio Morandi) che gli ispirò la via artistica dell’ultimo naturalismo. Partecipò a molte mostre collettive a partire dal 1958. Nel 1966 espose una prima personale a Bologna e nel 1967 un’altra personale a Milano. Ottenne l’abilitazione all’insegnamento dell’educazione artistica e dal 1974 divenne titolare di una cattedra alle scuole medie. Nell’ultima parte della sua carriera artistica si dedicò con grande passione alla realizzazione di carri di Carnevale con la società Filo con cui ottenne grandi risultati tra cui la vittoria nell’edizione del centenario.

Beatrice Buscaroli
Storica e scrittrice d’arte, ha curato la Quadriennale di Roma e il Padiglione Italia alla Biennale di Venezia nel 2009. È stata recentemente nominata membro del Consiglio superiore per i beni culturali e paesaggistici del Ministero dei Beni e delle attività Culturali e del Turismo. Ha scritto saggi e organizzato mostre sul Novecento italiano, maggiore e minore. Insegna storia dell’arte moderna, storia dell’arte contemporanea e museologia.

******************************************************************************

Lorenza Govoni

 

Misfatti di confine tra '500 e '700

Inquisizione

Misfatti di confine tra '500 e '700

TRC Modena – “Detto tra noi”

Misfatti di confine tra '500 e '700

Ufficio stampa Comune S.G. Persiceto, giovedì 13 marzo 2014

“Donne di ieri e di oggi. Il lungo percorso verso il riscatto femminile dalla stregoneria alla medicina”

Sabato 15 marzo alle ore 17 nella Sala del Consiglio del Municipio di Persiceto, in corso Italia 70, si terrà l’incontro pubblico “Donne di ieri e di oggi. Il lungo percorso verso il riscatto femminile dalla stregoneria alla medicina” in occasione della presentazione del volume “Misfatti di confine tra ‘500 e ‘700. La lunga mano dell’Inquisizione modenese su terre bolognesi”(Maglio editore), relativo all’omonima mostra realizzata a Persiceto presso la chiesa di Sant’Apollinare.

Nell’ambito delle iniziative promosse dal Comune in occasione della festa della donna, sabato 15 marzo alle ore 17 nella Sala del Consiglio del Municipio si terrà l’incontro pubblico “Donne di ieri e di oggi. Il lungo percorso verso il riscatto femminile dalla stregoneria alla medicina” durante il quale sarà presentato il volume “Misfatti di confine tra ’500 e ’700. La lunga mano dell’Inquisizione modenese su terre bolognesi” a cura di Patrizia Cremonini (Maglio editore 2014). Il volume è relativo all’omonima mostra realizzata a San Giovanni in Persiceto (chiesa Sant’Apollinare, 9 novembre 2013 – 12 gennaio 2014). Tale evento ha inaugurato il progetto triennale “Il confine che non c’è. Bolognesi- Modenesi uniti nella terra di mezzo” promosso in collaborazione tra l’Archivio di Stato di Modena, il Comune di San Giovanni in Persiceto e il Consorzio dei Partecipanti di San Giovanni in Persiceto.

Per l’occasione interverranno: Vittorio Cocchi, presidente del Consorzio dei Partecipanti di Persiceto, Sonia Camprini, assessore alla cultura del Comune di San Giovanni in Persiceto, Patrizia Cremonini, vice-direttore dell’Archivio di stato di Modena e curatrice della mostra “Misfatti di confine tra ‘500 e ‘700. La lunga mano dell’Inquisizione modenese su terre bolognesi”, Gian Luca D’Errico, docente dell’Università degli Studi di Bologna che parlerà di Sortilegi amorosi e guaritrici sotto i portici di Bologna nel ‘600, Paola Paltrinieri, presidente provinciale Unerbe-Confesercenti di Modena, che approfondirà il tema Le autentiche proprietà medicamentose delle erbe, e Carla Righi, collaboratrice dell’Archivio di Stato di Modena, che presenterà Altri sortilegi: il caso di una malefica di Crevalcore di fine ‘600.
Maglio editore informa che per l’occasione il volume sarà in vendita a prezzo scontato.

13.03.2014
Lorenza Govoni

Teodoro Zeccoli. Cuore Alfa

EpocAuto, 25 febbraio 2014

epocauto_zeccoli-page-001

Pagina 20 di 40« Prima...10...1819202122...3040...Ultima »